I Fondamentali

La protezione solare 3/4: e se mi scotto?

Un caro amico che segue la pagina, dopo essere andato a camminare in montagna  “under the scorching sun” senza ovviamente proteggersi, mi ha chiesto: “Ok, tardona, mi sono scottato . Che faccio?”.

Intanto pentiti e fai atto di contrizione.

 

Lenire, lenire, lenire!

Suggerisco nell’immediato un bel bagno tiepido con un due/tre cucchiai di bicarbonato o amido di riso e subito dopo un bell’impacco/spugnature di the verde freddo o di succo di aloe (tra parentesi sarebbe carino, anche per le borse sotto gli occhi, tenere in freezer dei ”ghiaccioli” di the verde e/o aloe da applicare sulla parte. Ma le borse sono argomento che tratteremo con grandissima attenzione più avanti).

Poi, gel d’aloe e come suggerisce l’amica Roberta, esperta di fitoterapia, toccature di oleolito di iperico, con aloe come parte acquosa. 

Da ripetere anche nei giorni successivi fino a completa “sfiammatura”.

 

Cosa evitare?

Evitare qualsiasi crema contenga profumo o sia conservata con alcool (molte creme ecobio soprattutto tedesche lo sono). Al massimo, del burro di karite puro e senza eccipienti di sorta. Non divertitevi a scoppiare le bolle, me racumandi… anzi proteggetele con una leggera garza e lasciate che, una volta scoppiate, la pelle protegga lo strato sottostante in via di ricostruzione.

 

Da ripetere anche nei giorni successivi fino a completa “sfiammatura”. Evitare qualsiasi crema contenga profumo o sia conservata con alcool (attenzione: molte creme ecobio, soprattutto tedesche, lo sono). Al massimo, del burro di karite puro e senza eccipienti di sorta. Non divertitevi a scoppiare le bolle, me racumandi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.