Oggi parliamo di...

Credo di avere visto un UFO: cosa penso di UFO FOREO

Un prodotto che mi lascia molto perplessa, a differenza dell’ottimo Luna, è il nuovo device di casa Foreo: Foreo Ufo, venduto sul sito della casa produttrice e da Sephora.

Nella confezione iniziale vengono anche forniti due tipi di maschere monouso; si possono comprare i refill, in molte varianti esclusivamente sul sito della Foreo.

Cos’è Foreo UFO? Un dispositivo in silicone, dalle dimensioni giuste per stare nell’incavo della mano, che consente di farsi una maschera e, come vedremo, tre trattamenti in 90”.

Come funziona il nostro Foreo UFO? E’ dotato di un anello/ghiera rimovibile dove viene inserita la maschera, che viene poi bloccata rimettendo l’anello.
Ovviamente le maschere sono ispirate “alla skincare coreana”, come poteva essere diversamente, del resto?

Cosa fa il nostro Foreo UFO?
Tranne il caffè, tutto.

Ci consente di ridurre drasticamente i tempi di posa della maschera dai canonici 20/30’ a 90”, grazie al calore, oppure al freddo (a seconda della maschera e dell’effetto desiderato), alle pulsazioni e ai tre tipi di luci led, usufruendo di tre trattamenti combinati assieme.
Il tutto si può attivare comodamente attraverso una app.

Secondo il claim, “Foreo,UFO, il rivoluzionario trattamento smart mask, combina le più avanzate tecnologie dermatologiche con le esclusive formule coreane per le maschere viso per un trattamento viso di alto livello in pochi secondi. Scopri la bellezza dell’innovazione, e trasforma la tua carnagione con Foreo UFO”.

In soldoni, le funzionalità del Foreo UFO alternano nei 90” di trattamento, variazioni di temperatura, di luce e di intensità delle pulsazioni (la famosa tecnologia T-sonic™).
Io mi sono procurata gli INCI delle due maschere incluse nella confezione iniziale: non ho idea di come siano le altre ma, se il buongiorno si vede dal mattino, a voler essere gentili sono un insieme di solventi e lipidi che al massimo possono sporcarvi i capelli.

Troverete in calce al post per vostro diletto, gli INCI delle due maschere contenuti nella confezione iniziale. Interessante evidenziare come gli INCI siano stati malamente scritti sul sito del rivenditore e abbia dovuto sistemarli io manin manina per renderli intellegibili.

Le mie perplessità 
Riprendo il claim del sito ufficiale

“TRATTAMENTO FACCIALE AD AMPIO SPETTRO.
Foreo UFO mette nelle tue mani la potenza della terapia a luce LED, incorporando tre trattamenti viso in un solo dispositivo da utilizzare a casa. Goditi un trattamento di fototerapia indolore e senza UV mentre le diverse lunghezze d’onda delle luci LED rossa, verde e blu ringiovaniscono la tua pelle.”

Intanto, penso che dei trattamenti normalmente eseguiti dal dermatologo o da un bravo estetista (i trattamenti con luce led hanno diversissime funzioni), non possano essere utilizzati “ad mentula canis” da chiunque, semplicemente smanettando su una app, proprio perché NON sono adatti a tutti (penso in particolare alla luce blu).

Vanno decisi con un esperto, in base alle necessità della nostra pelle.

Secondo, se mi viene proposto un trattamento di crioterapia da fare a casa, penso che l’azienda, non volendo problemi con quei clienti per cui la crioterapia può essere dannosa, mi stia proponendo qualcosa che ha la stessa efficacia/potenza del cucchaino da caffè sugli occhi.

Terzo, ipse dixit, gli INCI che ho visto sono qualcosa che NON metterei sulla mia pelle. se non altro per non sporcarmi i capelli senza nemmeno infilare un attivo nella mia pellaccia 🙂

Quarto, posto che ce ne siano, gli attivi di una maschera hanno bisogno di tempo per penetrare nella pelle e agire correttamente.

Dove la mettiamo la fisiologia della pelle?
Le normali maschere agiscono attraverso un prolungato contatto con gli agenti idratanti per arrivare a una “macerazione” degli strati superficiali della pelle, permettendo un migliore assorbimento degli eventuali attivi contenuti.Il fattore tempo e la quantità di prodotto applicata sono pertanto imprescindibili.

Ora, ditemi come può un aggeggino con un pezzettino di maschera, che viene continuamente spostato per coprire tutta la superficie del volto in 90”, garantirmi questi fattori. Quindi, come può essere realmente efficace?

Quinto, siamo certi che gli attivi contenuti nelle maschere (ma anche la nostra pelle) abbiano tutto questo bisogno di essere riscaldati a 40 gradi, oppure alcuni corrano il rischio di degradare?

Come dicevo in tempi non sospetti, la skincare coreana è un trend che sta prepotentemente entrando sul mercato perché offre molte possibilità di vendita, sia di prodotti, che di strumentazione annessa. Ma anche tanta “poesia”. 

Anche filosoficamente parlando, se proprio fossimo fan arciconvinte della bontà della skincare coreana, Foreo Ufo  è l’antitesi del “credo”asiatico dove tutto, dal the alla skincare sono rituali da godersi e apprezzare, usando le gestualità corrette e prendendosi tutto il tempo necessario. Voler piegare la filosofia di un rituale millenario alla frenetica vita occidentale è profondamente sbagliato. Se funziona, funziona anche per le tempo che gli si dedica.

Io credo nella cura della pelle personalizzata, nell’affidarsi a mani esperte.
Credo nello studio della biologia e della fisiologia della pelle, che va rispettata per ottenere risultati reali e duraturi.

Non mi permetto di bocciare e dire di non comprare un prodotto senza averlo provato, posso però da persona che “giocherella” con la pelle da parecchi anni esprimere il mio libero pensiero e, ancora una volta, le mie forti perplessità verso Foreo Ufo e far scattare il dubbio, la curiosità dell’approfondimento e della riflessione prima dell’acquisto nelle persone che mi seguono.

 

Divertitevi con l’ Ecobiodizionario

Mask Day

INCI: Aqua, Methylpropanediol, Glycerin, Hexanediol, Panthenol, Hydroxyacetophenone, Betaine, Brassica Oleracea Italica Sprout Extract, Gelidium Cartilagineum Extract, 2-Hydroxyethyl Acrylate, ACRYLAMIDE/SODIUM ACRYLOYLDIMETHYLTAURATE COPOLYMER, Carbomer,Arginine, Hydroxyethylcellulose, Sodium Hyaluronate, Sodium Acetylated Hyaluronate, Hydrolyzed Hyaluronic Acid, Parfum

Mask Call it a Night

INCI: Aqua, Methylpropanediol, Glycerin, Hexanediol, Panthenol, Hydroxyacetophenone, Betaine, Carbomer, Arginine, 2-Hydroxyethyl Acrylate,  ACRYLAMIDE/SODIUM ACRYLOYLDIMETHYLTAURATE COPOLYMER, Butylene Glycol, Olea Europaea OiI,   Hydroxyethylcellulose, Dipropylene Glycol, Parfum, Sorbitan Isostearate, Polysorbate 60, Crataegus Oxyacantha Fruit Extract, Gelidium Cartilagineum Extract, Panax Ginseng Root Extract

 

2 commenti

  • Laura

    Condivido le tue perplessità, un aggeggio davvero troppo costoso per un’attività che in sostanza non ne ha bisogno, anzi peggiora il rito della maschera che di solito ci regala tempo per noi stesse e relax, proponendo invece il ‘plus’ della velocità. Leggendo velocemente le composizioni delle maschere mi salta all’occhio il secondo posto del Methylpropanediol con altri glicoli a seguire dai noti effetti liscianti (fittizi), effetto che si ottiene anche senza spendere 297 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *